Bruno Aller

Bruno Aller (Roma, 1960), pittore ed incisore, grande maestro dell’astrazione pittorica. Le sue opere sono contraddistinte dal segno e dal gesto, dalla stesura del colore per stratificazione. Per Aller la tela è una superficie di riflessione, dove si alterna la forma progettuale con la forma emozionale attraverso i colori ed i segni che lascia sulle sue opere. Tutti i suoi lavori hanno un punto di fuga, utile per ricominciare il percorso, la meditazione intorno alla pittura, che in parole dell’artista “essa non è vita ma è come la vita, è così essenziale da non poterne fare a meno”.

Guarda le opere della mostra

Scopri di più sull'artista

Bruno Aller è nato a Roma il 2/2/1960. Diplomato all’A.A.B.B. di Roma in Scenografia 1974 entra nello studio di T. Caputo dove apprende le tecniche dell’acquaforte, litografia e serigrafia e viene a contatto con artisti e poeti quali R.Alberti, C.Quattrucci, P.P.Pasolini , C.Bene.
  • Dipinto ad olio caratterizzato dalla contrapposizione tra segno gesto e forma, dove le forme si alternano tra senso dinamico e ricerca di un equilibrio spaziale. È da inserire tra le opere chiave nate dallo sviluppo dei segni scrittura che si fanno forma.

  • Painting from the cycle of contrasting signs and forms, emerging from the development of the sign-gesture that in its progression creates contrasting force fields between broad chromatic registers and the strong structuring of space. All this is achieved through a dynamic register caught between the finished and the unfinished.

  • Opera della serie dei “Ri-tratti”, in questo caso riferito al nome dell’artista J. Arp, dove la struttura delle lettere in stampatello (carattere occidentale), stanno come sub-struttura formativa dello spazio pittorico indagato, le variabili per distanza e soluzione di continuità stabiliscono una non intelligibilità linguistica, ma divengono in superficie...

Mostrati 1 - 3 di 3 elementi