Carlo D’Orta (Firenze, 1955), viaggiatore e fotografo, si è specializzato presso la Libera Accademia delle Belle Arti RUFA (Rome University of Fine Arts) e un successivo Master in fotografia presso lo IED di Milano, percorso che lo ha avvicinato ad una visione fotografica metafisica, tendente all’astrazione.

Predilige l’architettura, concentrandosi sulla decontestualizzazione dei particolari e sulle deformazioni prodotte dai riflessi di vetrate e cristalli. Sfrutta particolari prospettive di scatto comprimendo la profondità attraverso un forte zoom che schiaccia il piano e regala composizioni di geometrie astratte. Appare forte la reminiscenza del cubismo e costruttivismo con profondi richiami a Malevic, Mondrian e Rothko.

 

Guarda le opere della mostra Scopri di più sull'artista